Il MIT ha fatto confermato le attese: qualche giorno fa, infatti, è stato pubblicato il Decreto Ministeriale che stanzia circa 36 milioni di euro di contributi per supportare gli investimenti del segmento autotrasporto merci. Un patrimonio fondamentale per rinnovare il parco veicolare a cui è possibile accedere in modo relativamente semplice. Dal prossimo 18 settembre gli operatori del settore autotrasporto merci hanno la possibilità di richiedere contributi fino a 700 mila euro. Come? Avanzando la propria domanda per via telematica. Tutte le imprese di autotrasporto per conto di terzi, oltre alle strutture societarie risultanti dall’aggregazione di tali imprese, regolarmente iscritte al Ren ed all’Albo degli Autotrasportatori, hanno l’opportunità di sottoscrivere online il modulo di richiesta per accedere ai contributi dedicati al rinnovo e all’adeguamento tecnologico del parco veicolare. Non solo: gli importi stanziati dal Ministero dei Trasporti possono essere utilizzati anche per l’acquisizione di beni strumentali per il trasporto intermodale e per iniziative di aggregazione.

Modalità di richiesta di accesso ai contributi

Come accennato, le imprese che operano nel settore dell’autotrasporto merci hanno l’opportunità di avanzare la loro domanda per l’accesso ai contributi esclusivamente per via telematica. Ogni impresa, inoltre, anche se la stessa è associata ad un consorzio o a una cooperativa, può presentare soltanto una domanda di contributo. Qualora la richiesta fosse accettata, gli investimenti finanziabili da parte del contributo statale saranno validi solo se avviati dalla data di entrata in vigore del decreto, ovvero dal 18 settembre, e conclusi entro e non oltre il 15 aprile 2018. Ma questo non è l’unico vincolo: per accedere ai contributi e renderli effettivi nel corso del tempo sussiste un’ulteriore condizione da rispettare. Tutti i beni acquisiti grazie al supporto statali non possono essere ceduti e devono rimanere nella totale disponibilità dell’impresa beneficiaria fino a tutto il 31 dicembre 2019, pena la revoca stessa del contributo finanziario.

Risorse disponibili e scadenza: altri dettagli sul supporto economico del MIT

Il Ministero dei Trasporti ha messo a disposizione del bando una cifra pari a 35,9 milioni di euro. Per ogni singola impressa, l’importo massimo ammissibile non può però superare i 700.000 euro, anche se vengono accertate condizioni e disponibilità delle risorse maggiori, in linea con le richieste pervenute. Il bando aprirà ufficialmente i battenti il prossimo 18 settembre 2017, data dalla quale è possibile avanzare online le proprie richieste, al 15 aprile 2018, giorno di chiusura del bando pubblico.

il nuovo modello della casa olandese DAF
Previous post

DAF LF City, arriva il Truck più dinamico della linea

Piattaforma Marangoni per il controllo delle gomme
Next post

Gestione pneumatici: con Fleet Advantage nessuna paura

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *