Arrivano importanti novità ministeriali sul tema CQC, ovvero sulla cosiddetta Carta di Qualificazione del Conducente. Ciò che cambia davvero, questa volta, è la modalità di gestione dei punti sulla patente: a definire le nuove regole è stata la circolare emessa dal Ministero lo scorso 23 gennaio 2017. Non sono bastate, infatti, tutte le precedenti comunicazioni ministeriali prodotte in ambito CQC a definire, una volta per tutte, il processo di perdita e di gestione dei punti sulla patente. Ora a farlo ci prova il protocollo 673/8.7.3 che mira a raggiungere l’obiettivo, non sovvertendo i contenuti delle precedenti normative, ma provando a colmare gli spazi legislativi attraverso regole pensate ad hoc. Curiosi? Seguiteci e scopriremo insieme cosa cambia.

Ecco le novità sulla patente CQC

Una novità che balza subito all’occhio guardando la circolare ministeriale interessa i titolari di patente delle categorie AM, A1, A2, A, B1, B, BE, C1, C1E, D1 ,D1E senza obbligo di cambio automatico. Una situazione, quella ora regolamentata con il protocollo 673, che potrebbe essere definita curiosa: infatti, coloro che intendono svolgere la prova pratica di revisione con un veicolo dotato di cambio automatico, nel caso il test venisse superato, devono richiedere un duplicato della patente. Il motivo? È presto spiegato: in corrispondenza della categoria per cui si è tenuta la prova, infatti, è necessario segnare il codice comunitario 78. Se questa novità operativa può apparire bizzarra, la seconda è decisamente più seria, a tema punti patente. Nei casi in cui il titolare della CQC arrivi ad azzerare il suo punteggio o commetta 2 violazioni non contestuali, nell’arco di 12 mesi, dopo una prima infrazione con perdita di almeno cinque punti, lo stesso è tenuto a doversi sottoporre a un nuovo esame di revisione della qualificazione CQC posseduta.

Casi particolari sulla perdita punti: ecco come funziona

Esistono casi specifici che la normativa tratta separatamente: ad esempio, se l’autista è titolare di qualificazione CQC sia per il trasporto di merci che per quello di persone, l’esame che dovrà sostenere verterà, in via esclusiva, sul programma previsto dalla categoria con cui sono state commesse le infrazioni a maggior decurtazione di punteggio. Da qui nasce un’ulteriore particolarità: se alla guida di veicoli di categoria diversa, l’autista ha subito le medesime sanzioni in termini di punteggio, l’esame di revisione si svolgerà sul programma previsto dalla categoria di CQC con cui ha commesso l’ultima infrazione in ordine di tempo. In qualsiasi caso, se l’esame sostenuto dovesse dare esito negativo, a partire da quel momento decorre la revoca di tutte le qualificazioni CQC, indipendentemente dalla tipologia di test effettuato.

guida in convoglio
Previous post

Scania e la guida autonoma: un matrimonio che s'ha da fare

training e coaching per autisti scania
Next post

Con Driver Training di Scania la guida è più efficiente

27 Comments

  1. Pompeo Lello Marcellino
    31 gennaio 2017 at 9:39 — Rispondi

    Ma questi sono fuori di testa….. Ma non rompete i coglioni a chi lavora!!!

  2. Daniele Azzurra
    31 gennaio 2017 at 9:42 — Rispondi

    Stw merde si svegliano per scassare i coglioni a tutti lavoratori

  3. Matteo Deidda
    31 gennaio 2017 at 9:44 — Rispondi

    Ma perché cazzo non controllano e rompono le palle a chi devono veramente!!! Brutti coglioni

  4. Fabri Lampo
    31 gennaio 2017 at 9:47 — Rispondi

    Son tutte bufale che girano in rete

  5. Xhevdet Qatani
    31 gennaio 2017 at 9:55 — Rispondi

    Ma mali detti i stranieri che guidano qui portano lavoro a ni altri sano cosa e CQC ma fanqullo cazzo

    • Mario
      31 gennaio 2017 at 11:07 — Rispondi

      Prima impara a scrivere poi lascia i commenti!

    • Sergiu Dsd
      5 febbraio 2017 at 16:57 — Rispondi

      e tu quando vai a lavorare fuori Italia non sei uno straniero ? la culpa e del politico , usa il cerevelo

    • Sergiu Dsd
      5 febbraio 2017 at 16:59 — Rispondi

      io come straniero non vado a lavorare pe un stipendio sotto 2200 e ti poso fare vedere anche buste paga , e non sono dacordo con contrato rumeno slovaco polaco…. ma siete voi che li avete imparati male a gli datori di lavoro

  6. Pompeo Lello Marcellino
    31 gennaio 2017 at 9:59 — Rispondi

    Si può anche essere che siano bufale…. Mi auguro…..

  7. Peppe Simo
    31 gennaio 2017 at 10:59 — Rispondi

    Uno sciopero non si può fare…..oltre hai costi anche questo lo stato ci sta mettendo i piedi sopra……anche qui solo stranieri con assunzioni all’estero

  8. Vincenzo Scognamiglio
    31 gennaio 2017 at 11:06 — Rispondi

    Novità sulla tutela dei lavoratori no è

  9. Marco Giorio
    31 gennaio 2017 at 11:44 — Rispondi

    Ma DC!!!!😬😬😬 Non sanno più cosa inventarsi x derubarti sti figli di troia!!

  10. Tonio Prete
    31 gennaio 2017 at 11:50 — Rispondi

    Se se decide na fiata per tutte

  11. Ltmftrasporti Logistica Marciano
    31 gennaio 2017 at 12:52 — Rispondi

    Ci avete rotto stò cretino che mettle set legge di cazzo? Chi è possibile pur di fare soldi inventate leggi giorno per giorno siamo stanchi . Anche gli uffici non Sanno un cazzo di quello che state facendo . Ci fate capire che cazzo fare? Diamo stanchi di correre dietro alle v ostre leggi di merda non Sapete più come fare cassa. Prendiamo I Camion e li portiamo a voi . Visto che siete cosi intelligenti parliamo una sola Volta . Mandate il a parlare con noi cosi ci s aprà rispondere che cazzo fare. A ccantoni I sindacati E ci faccia parlare con il ministry dei trasporti visto che lui mettle le leggi del cazzo …… uuuffffffffaaaaa capito siamo stanchi. ………

  12. Rodolfo Toniolo
    31 gennaio 2017 at 12:54 — Rispondi

    Dopo l’alfabeto ci sono i numeri. Ampliano la giungla.

  13. Maddalena Donato Calabrese Assunta
    31 gennaio 2017 at 12:54 — Rispondi

    E poi si chiedono come mai nessun giovane decide di conseguire la patente, ecco i motivi. Allora cosa decidono, decidono di spillare soldi a chi già lavora e non può sottrarsi a queste scelerate decisioni.

  14. Raffaele Di Mieri
    31 gennaio 2017 at 13:39 — Rispondi

    Ma vi rendete conto che stiamo sotto lo schiaffo di tutti .ma quando ci rendiamo conto che siamo arrivati alla dittatura

  15. Gabriele Tamburrino
    31 gennaio 2017 at 14:02 — Rispondi

    Lasciamoli che quotano loro tra qualche mese dicono che dovremo prima andare su Marte e poi è ok

  16. François Cointreau
    31 gennaio 2017 at 15:15 — Rispondi

    I costi che ci obbligano a pagare per essere in regola e lavorare sono troppo alti. Figuriamoci se ne capiscono qualcosa tutti sto stronzi politicanti ignoranti

  17. Luigino Ferrarese
    31 gennaio 2017 at 17:07 — Rispondi

    Perché rompono i coglioni questi luridi porci infami di politici pensate a fare una buona legge per andare in Pensione prima e godersi la vita altro che novità sulle Patenti o CQC compreso carta tachigrafa.

  18. Sebastiano Mauceri
    31 gennaio 2017 at 17:53 — Rispondi

    Quello che e successo a me per fortuna che sono ancora abbastanza aggiornato revisione con successo e un calcio in culo prima al datore di lavoro che ti obbliga e poi sono cazzi tuoi ora in cerca di lavoro…bastardi Italia e le aziende di trasporto.

  19. Giacomo Russo
    31 gennaio 2017 at 19:18 — Rispondi

    In ordine si ma volevo sapere una cosa x che un camionista non puo piu portare un amico nel camion sono molto arrabbiato moltissimo la polizia quando li ferma patente e libbreto e i soldi non e giusto all estero non esistono ste cose solo in italia ..x che e cosi non lo so sono molto arrabbiatissimo chi la fatta sta legge ..eeeeeee???????!!!!!!

  20. Aldo Seminara Cb Caronte
    31 gennaio 2017 at 19:35 — Rispondi

    Vogliono far lavorare solo aziende dell’Est che non hanno di questi problemi noi faremo la fame questi politici sono fuori di testa

    • Sergiu Dsd
      5 febbraio 2017 at 16:55 — Rispondi

      guarda che non e vero nulla di cosa dici tu sul fato del est , problema e il politico

    • Sergiu Dsd
      5 febbraio 2017 at 16:55 — Rispondi

      non centra niente il operaio

  21. Giovanni Castagnaro
    31 gennaio 2017 at 20:21 — Rispondi

    L’avete letto l’articolo o avete buttato commenti a caso?

  22. Giacomo Russo
    15 febbraio 2017 at 16:53 — Rispondi

    X me possono pure morire tutti cosi facciamo piazza pulita diceva bene il grande toto e io pago e io pago ..a.c.a.b..

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *