È di qualche settimana fa la notizia che il Board of Management di Daimler ha dato il via libera ad un piano di azione altamente innovativo per sviluppare motori diesel di ultima generazione. Come confermato dalle parole del CEO di Daimler AG e Head di Mercedes-Benz Cars, Dieter Zetsche, le motorizzazioni diesel stanno creando sempre più incertezza nel grande pubblico: il timore principale è dovuto a temi legati alla sicurezza, all’affidabilità, ai reali consumi e alla sostenibilità. Per questo motivo, Daimler ha deciso di attuare misure ulteriori ed aggiuntive con l’obiettivo di rafforzare la fiducia verso questa tecnologia e rassicurare tutti i clienti che scelgono il diesel. Secondo la casa teutonica, infatti, questo tipo di motorizzazioni continuerà ad essere imprescindibile nel panorama dell’autotrasporto futuro, soprattutto perché i modelli più avanzati sono in grado di garantire un basso impatto in termini di emissioni di CO2 nell’ambiente.

Cosa prevede il piano innovativo tedesco

Insomma, il piano pensato dalla multinazionale tedesca mira ad una sostanziale ampliamento del catalogo dei modelli di motori diesel ad ora presenti sul mercato. Non a caso, già da qualche tempo, Mercedes-Benz ha dotato alcuni dei propri veicoli con propulsori innovativi, in grado di migliorare l’efficienza su strada di oltre il 20% rispetto alle versioni precedenti. Il grande riscontro di pubblico di questa prima fase, ha spinto Daimler ad estendere l’aggiornamento dei motori su altri tre milioni di veicoli firmati Mercedes-Benz. Una vera e propria rivoluzione, quindi, che interesserà tutti i mezzi Euro5 e Euro6 circolanti in Europa. L’importo degli investimenti previsti per queste azioni di miglioramento è da capogiro: 220 milioni di euro. Il tutto senza che questo comporti costi aggiuntivi per i clienti che decideranno di acquistare i veicoli con i nuovi motori diesel.

Obiettivi a lungo termine per ridurre le emissioni

Le misure ipotizzate da Daimler si concretizzeranno a breve, ed interesseranno un lungo periodo di sviluppo. Stando alle stime della casa tedesca, alla conclusione del progetto le emissioni di ossidi di azoto dei veicoli diesel della Stella saranno decisamente più contenute. Merito della tecnologia innovativa che sarà implementata nei propulsori e che permetterà di soddisfare anche le future stringenti norme UE in tema di inquinamento. In questo modo, Daimler continuerà a dare il proprio significativo contributo al miglioramento della qualità dell’aria, proteggendo l’ambiente in modo sostanziale. L’efficienza dei motori diesel, portata a livelli ancora maggiori rispetto alla standard, darà lunga vita a questo tipo di propulsori, decisamente più efficienti rispetto ai motori a benzina.

riduzione delle emissioni con l'idorgeno
Previous post

L’idrogeno entra nel segmento autotrasporto

il nuovo modello della casa olandese DAF
Next post

DAF LF City, arriva il Truck più dinamico della linea

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *