Nel dicembre del 2023 è stata applicata la prima parte della riforma dei pedaggi stradali in Germania, che prende il nome di Federal Trunk Road Toll Act e si divide in due parti. Il 1° luglio 2024 ci sarà l’entrata in vigore della seconda parte. Come si può facilmente intuire, questa riforma ha avuto delle notevoli ripercussioni soprattutto nel campo dei trasporti stradali.

Le categorie di automezzi particolarmente interessati dalla seconda parte della riforma sono soprattutto gli automezzi pesanti e i veicoli commerciali. Il testo del Federal Trunk Road Toll Act prevede delle modifiche al sistema dei pedaggi stradali, estendendoli anche ai veicoli con una massa complessiva superiore a 3,5 e inferiore a 7,5 tonnellate utilizzati per il trasporto su strada.

L’obiettivo della riforma è duplice. Da un lato c’è la necessità di ridurre le emissioni di anidride carbonica e dall’altro prevedere un solido finanziamento per la manutenzione della rete autostradale tedesca. Proprio per questo il Federal Trunk Road Toll Act si basa su un sistema di tariffe che tengono in considerazione la classe di CO2.

Pedaggi stradali in Germania: quali mezzi ne sono esenti?

Dal 1° luglio 2024 sarà obbligatorio il pagamento del pedaggio “LKW Maut” per tutti i veicoli commerciali e per gli automezzi pesanti con massa superiore a 3,5 tonnellate. Sono due invece le categorie di veicoli che sono esenti dal pagamento del pedaggio in Germania.

Non sono soggetti al pagamento del pedaggio stradale previsto dalla riforma i veicoli commerciali per artigiani e liberi professionisti con peso leggermente inferiore a 7,5 tonnellate. Va però sottolineato come il rispetto di questi parametri deve tenere in considerazione anche la tipologia di materiali trasportati e il viaggio specifico da fare.

Tale esenzione si applica nei confronti degli imprenditori, ma solo se è un artigiano a guidare il veicolo che trasporta materiali, attrezzature o macchinari utili per fornire servizi e lavori artigianali che derivano dall’attività imprenditoriale, oppure se il veicolo trasporta prodotti fatti a mano che vengono fabbricati, ulteriormente lavorati o riparati nel corso della propria attività artigianale.

Inoltre l’Ufficio federale per la logistica e la mobilità (BALM) specifica che l’esenzione per gli artigiani riguarda anche tutte quelle professioni che vengono riconosciute e paragonate in Germania all’artigianato.

Sono inoltre esentati dal pagamento del pedaggio, fino al 31 dicembre 2025, anche i veicoli a emissioni zero, appartenenti alla classe 5 di CO2 e con peso F1 inferiore o pari a 4,25 tonnellate.

Altre informazioni utili sui pedaggi sulle autostrade tedesche

In conclusione quindi dal 1° luglio 2024 per il pagamento dei pedaggi verrà presa in considerazione la distanza percorsa, ma anche altri fattori. Infatti per definire la cifra del pedaggio si terrà conto anche delle emissioni di CO₂, dell’inquinamento atmosferico e acustico causati dal veicolo e dei costi infrastrutturali. A definire le tariffe, inoltre, saranno anche il peso e il numero di assi del veicolo.

Tutto questo presuppone che, tramite il portale di TOLL COLLECT, le imprese devono prepararsi per tempo per capire quali sono le esenzioni ad esse applicabili e come muoversi, anche perché l’esenzione per gli artigiani e i commercianti è sottoposta a specifiche condizioni.

Articolo precedente

Transpotec 2024, le principali novità nel settore del trasporto

rendering camion guida autonoma
Articolo successivo

Scania lancia i veicoli a guida autonoma: come funzionano?

Nessun commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *