Si chiama THCS 520 Passion il nuovo gioiello della strada firmato da Renault Trucks. Un mix di eleganza e grinta che caratterizza un veicolo speciale, che non passa di certo inosservato. Grande merito va alla sua spiccata identità, dall’anima bicolore: da un lato troviamo il nero opaco, un colore di stile che si mischia alla perfezione con il rosso fuoco, la classica tonalità della passione. Ed è per questo motivo che il THCS 520 si chiama Passion: il nome di questo nuovo nato in casa Renault sintetizza al meglio anche il carattere del gigante della strada. I tecnici francesi, infatti, con estrema passione, hanno dato vita ad un veicolo in equilibrio tra comfort massimo e funzionalità all’avanguardia al servizio dei piloti. Chi desiderasse fare una prova su strada, può sfruttare l’ultimo weekend di maggio: a Misano Adriatico, durante il Petronas Urania Gran Prix Truck, Renault darà l’opportunità a tutti gli appassionati di salire a bordo di questo splendido camion e di testare la sua incredibile struttura direttamente sull’asfalto del circuito romagnolo.

Prestazioni e stile: ecco l’accoppiata vincente del THCS 520

Non sempre un camion altamente prestazionale è anche bello. Anzi, quasi mai. Questa volta però è diverso, e si vede. Il THCS 520 – nella sua versione Passion – è in grado di combinare design di alta classe a performance stradali di assoluto livello. Merito del motore da 13 litri e 520 CV che spinge questo gioiello innovativo al galoppo su ogni tipo di terreno. Eleganza, forza e anche comodità: nel nuovo THCS 520, infatti, non manca lo spazio per il confort. Come confermato dalla cabina Maxi Space, che consente, anche  coloro che rimangono tanto tempo a bordo del camion, di viaggiare sempre all’insegna del massimo relax e in piena sicurezza.

Entriamo un po’ nel tecnico

Del motore abbiamo già accennato: un cuore da 520 cv e 13 litri, capace di sprigionare una coppia di 2550 Nm già intorno ai 1100 giri che rimane tale fino ai circa 1400. Magia? Non proprio. Potremmo dire tecnologia. Infatti il cambio Optidriver, riveduto e migliorato nel software, gestisce i giri con assoluta attenzione, favorendo anche la silenziosità di marcia. Non a caso, il THCS 520 è molto apprezzato per la quasi assoluta assenza di rumorosità. E poi c’è l’Optiroll, uno strumento immancabile, capace di contenere i consumi e regalare un tocco premium all’intero veicolo. Grazie a questo sistema si possono diminuire le emissioni di carburante di oltre il 5%. E non è tutto: con il regolatore di velocità predittivo Optivision, collegato al GPS, le strategie di guida, di accelerazione e di velocità del veicolo sono ottimizzate, per consumi ancora più contenuti.

Il 7 maggio a Roma un grande evento organizzato da Anita
Articolo precedente

Anita spinge l’innovazione in Italia con Ecocombi

procedure per la revisione dei veicoli industriali ancora rinviata
Articolo successivo

Nuove modalità di revisione: questo matrimonio non s’ha da fare

8 Commenti

  1. Michele D
    22 maggio 2017 at 22:34 — Rispondi

    i miei futuri debidi bello

  2. Ezio Bertorello
    22 maggio 2017 at 23:36 — Rispondi

    Bel cesso

  3. Silvano Menegatti
    23 maggio 2017 at 15:23 — Rispondi

    le ben brut val quel li

  4. Antonio Sorice
    23 maggio 2017 at 21:12 — Rispondi

    Ho tutte le carte in regola per averlo ma nn le cambiali x comprarlo….

  5. Fabio Mapelli
    25 maggio 2017 at 9:39 — Rispondi

    Molto bello nero

  6. Mario Liciarelli
    25 maggio 2017 at 19:49 — Rispondi

    praticamente lo ha partorito mamma VOLVO

    • Fernando Favero
      25 maggio 2017 at 23:03 — Rispondi

      Sto cazzo lo ha partorito mamma volvo monta meccanica volvo ma purtoppo il resto e Renault

  7. Jury Giampaoli
    27 maggio 2017 at 23:02 — Rispondi

    Lo visto oggi a Misano adriatico

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *