Se il proprio camion è in panne, ha bucato o è stato coinvolto in un incidente bisogna richiedere il soccorso stradale per mezzi pesanti. Di cosa si tratta? Cosa comprende questo servizio? Il soccorso stradale comprende assistenza, riparazione e rimozione di automezzi in panne oppure incidentati per ripristinare quanto prima la viabilità lungo la strada e per evitare situazioni di pericolo. Inoltre può essere richiesto sia sulle strade ordinarie che sulle autostrade.

Se si dovesse verificare un’avaria, un guasto, un incidente, una foratura o qualsiasi altro inconveniente che impedisce la normale marcia del camion, è necessario contattare quanto prima il soccorso stradale per evitare problemi legati alla sicurezza stradale o ingorghi lungo la strada.

Soccorso stradale per mezzi pesanti: come funziona?

Il soccorso stradale garantisce un intervento di riparazione immediato sul posto. Se non fosse possibile tale intervento, allora il camion viene trasportato nella più vicina officina adibita alla riparazione del mezzo danneggiato.

L’intervento “in loco” può risultare piuttosto complesso da un punto di vista organizzativo e logistico, poiché si tratta di mezzi grandi e voluminosi che occupano buona parte della carreggiata. Per questo motivo il soccorso su mezzi pesanti prevede piccoli interventi effettuati nelle aree di sosta, riuscendo a mettere il veicolo in sicurezza e ripristinare velocemente la viabilità. In un secondo momento viene poi contattato un carroattrezzi per la rimozione del mezzo.

Non tutte le officine sono però attrezzate per questi tipi di interventi, che richiedono un carroattrezzi speciale dotato di gru, traini e sistemi di sollevamento che possono muovere e spostare bestioni che arrivano anche fino a 10 tonnellate.

Chi offre questa tipologia di servizio è dotato di veicoli appositi capaci di trainare mezzi come:

  • autocarri;
  • autotreni;
  • autoarticolati;
  • autobus;
  • pullman;
  • camper;
  • trattori e macchine agricole;
  • mezzi industriali pesanti.

Inoltre le aziende che offrono questo servizio devono essere dotate anche di un permesso per il trasporto speciale, così da poter intervenire in qualsiasi orario e in qualsiasi condizione senza autorizzazione, che invece è richiesta per i trasporti eccezionali.

Cosa fare se il camion è in panne?

Il camion è il compagno di viaggio del camionista, ma in alcuni casi può “tradirlo” e andare in panne. Come comportarsi in questi casi? Ecco gli step da seguire per muoversi in totale sicurezza:

  • indossare il giubbotto catarifrangente per essere visibili agli altri utenti della strada;
  • posizionare il triangolo in dotazione ad una distanza sufficiente dal camion;
  • chiamare il soccorso;
  • restare vicino al mezzo in attesa dell’arrivo dei soccorsi;
  • non tentare di far ripartire il mezzo.

Basta seguire queste regole di sicurezza e attendere il soccorso per evitare guai peggiori.

L’importanza della manutenzione

I guasti e gli imprevisti fanno purtroppo parte del lavoro del camionista ma, poiché prevenire è meglio che curare, è consigliabile sottoporre periodicamente il camion ad una manutenzione regolare.

Se hai una flotta di camion, a maggior ragione dovresti sottoporre i tuoi mezzi ad un controllo periodico per garantire la massima sicurezza ai tuoi dipendenti e assicurarti che le consegne vengano fatte entro i tempi previsti e senza alcun ritardo. Sulle flotte sono inoltre previsti sconti interessanti, quindi è meglio muoversi per tempo per viaggiare sicuri e ridurre al minimo il rischio di guasti e imprevisti.

camionista con camion anita and jobs
Articolo precedente

Vita da camionista: le cose da sapere prima di iniziare questo lavoro

Articolo successivo

Guidare un camion a 18 anni: in Italia si può?

Nessun commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *