Nell’epoca degli smartphone, dei tablet e della tecnologia sempre connessa continuano a resistere, almeno tra i camionisti della vecchia scuola, i CB. Si tratta di un baracchino, diventato uno strumento iconico dei camionisti e anche dei camperisti, che sfrutta una frequenza radio e permette agli autotrasportatori di scambiarsi informazioni o comunicazioni relative alle condizioni meteo, traffico, incidenti ecc.

Il CB è anche uno strumento utile per restare in contatto con altri camionisti in zona ed infatti viene utilizzato con frequenza tra autocarri che viaggiano in gruppo o semplicemente per socializzare. Oltre a fungere da compagno con cui parlare, navigatore e consulente stradale, il CB consente di tenere sempre gli occhi fissi sulla strada poiché generalmente è posto sul soffitto della cabina del camion quindi risulta facile da prendere.

Il glossario nel linguaggio CB

Nel corso degli anni, gli stessi camionisti hanno sviluppato un vero e proprio glossario nel linguaggio CB utilizzando messaggi, frasi e parole in codice.

“La grande” ad esempio indica l’autostrada, mentre la “piccola” si riferisce alla statale. C’è poi una lunga serie di termini, non sempre lusinghieri, per indicare le forze dell’ordine. I “puffi” ad esempio sono la polizia, i “canarini” la Guardia di Finanza e gli “scarafaggi” i carabinieri.

Ci sono poi termini in gergo come “carica batterie” (mangiare), “carica pupille” (dormire), “trasporto bugie” (trasporto di giornali), “in verticale” (vedersi di persona), “tirare il paracadute” (frenare), “colpo di bassa” (fare una telefonata), “andare in buca” (entrare in galleria), “occhio alla cristalleria” (fare attenzione). A queste vanno aggiunte altre espressioni come “7351” (saluti e abbracci), “50” (coniuge), “25” (fidanzata), “gringhelle” (ragazze) e tante altre ancora.

I baracchini di nuova generazione

Poiché molti camionisti continuano a preferire il vecchio baracchino ai moderni ma più “freddi” cellulari, diverse aziende hanno pensato di rimodernare i CB realizzando modelli più avanzati tecnologicamente. È il caso del modello CG-GO, un kit completo firmato dall’azienda Midland leader nel settore delle radiocomunicazioni.

Il kit comprende:

  • un mini ricetrasmettitore multimediale M-Mini;
  • un cavo di alimentazione con presa accendisigari;
  • una base magnetica;
  • un’antenna Midland LC29.

La particolarità di questi strumenti è che sono tutti in formato mignon, quindi si inseriscono perfettamente nei piccoli spazi senza provocare alcun ingombro.

Il ricetrasmettitore Midland viene ancorato alla base con un solido chassis in metallo e garantisce una comunicazione chiara e cristallina sulle principali frequenze europee. Inoltre è dotato dell’adattatore opzionale Bluetooth WA-CB collegato a sua volta con la presa 2pin Midland sul frontale della radio ed agli auricolari, permettendo quindi di comunicare in modalità wireless e senza distrazioni.

camion trasporto merci pericolose ADR
Articolo precedente

Trasporto merci pericolose: il MIT precisa lo spessore delle cisterne e i nuovi corsi

camion a idrogeno a celle combustibili
Articolo successivo

Hyundai Hydrogen Mobility e Hydrospider presentano un rivoluzionario camion a idrogeno

Nessun commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *